A.Celli WeChat Channel

La laminazione del Tessuto Non Tessuto

  • Cos’è la laminazione?
  • Principali aree di applicazione della laminazione di TNT
  • Tecniche e vantaggi della laminazione di Tessuti Non Tessuti
  • La miglior macchina per la laminazione di TNT

Cos'è la laminazione?

Cos'è la laminazione?

La laminazione è il processo di produzione di un materiale in più strati, in modo che le caratteristiche fisiche e meccaniche combinate di ogni strato creino un materiale composito più forte e resistente.

I primi esempi di laminazione facevano uso di adesivi naturali come cera d'api, gomme, catrame e sostanze derivate da ossa di animali. Con il progredire della tecnologia, fu scoperto l'uso della ceralacca come primo adesivo hot melt. Negli anni '30 fu usato un processo di laminazione a umido (con l'uso di solventi) per accoppiare i colletti delle camicie (un tessuto) con l’acetato di cellulosa. Questo processo fu ritenuto scomodo e nel 1948 furono fatti progressi nella laminazione a secco usando polivinilacetato plastificato con dibutilftalato.

La laminazione del TNT, in particolare, è il processo di unione di due o più strati, dei quali almeno uno è uno strato di tessuto non tessuto, con l'obiettivo di ottenere una migliore resistenza, stabilità, isolamento acustico, aspetto o altre proprietà. Sebbene siano meno costosi da produrre, i tessuti non tessuti tendono ad essere più deboli dei tessuti e il processo di laminazione entra in gioco proprio quando è necessario rafforzare il materiale non tessuto per un’ampia varietà di usi.

L’accoppiamento viene effettuato mediante l'utilizzo di adesivi (o di calore) e pressione, consentendo la fabbricazione di prodotti tessuti non tessuti dotati di uno strato impermeabile che siano traspiranti, morbidi, comodi e adatti alla stampa.

Poco dopo l’inizio della produzione industriale di pannolini usa e getta fecero la loro comparsa i prodotti laminati di tessuto non tessuto, come i textile backsheets. Sin dai primi tempi della laminazione a secco sono stati prodotti vari adesivi, tra cui le polveri hot-melt.

Agli inizi, la traspirabilità era una delle problematiche principali della laminazione, ma i processi utilizzati al giorno d’oggi sono in grado di produrre materiali traspiranti e porosi in grado di mantenere le loro proprietà impermeabili.

4 Consigli Essenziali per il Tuo Processo di Laminazione

Principali aree di applicazione della laminazione di TNT

Principali aree di applicazione della laminazione di TNT

L'utilizzo di tessuti non tessuti laminati è cresciuto negli ultimi decenni fino a includere vari settori come l'agricoltura, l'abbigliamento (fodere, imbottiture, ecc.), la casa, i trasporti e l'ambiente. Sebbene vi siano molti utilizzi possibili per i laminati di TNT nei settori più disparati, i seguenti sono quelli che ne fanno il maggior uso:

Settore Medicale

Il settore medicale è uno dei più importanti utilizzatori di laminati di TNT. Avendo necessità di disporre di materiali sterili e monouso, questo materiale risulta estremamente adatto per una serie di motivi. Il processo di laminazione di tessuti non tessuti crea materiali traspiranti che consentono all'umidità di fuoriuscire facilmente dall'indumento, impedendo al tempo stesso ai liquidi di penetrare al suo interno. Il materiale composito non tessuto può anche avere un trattamento superficiale antimicrobico in grado di migliorare ulteriormente le sue proprietà protettive. Lo strato esterno di tessuto non tessuto è morbido al tatto, resistente e duraturo.

Leggi anche: Come realizzare i migliori prodotti medicali monouso in TNT

La laminazione di TNT dà vita ad un’ampia gamma di indumenti ed equipaggiamenti protettivi in ambito medicale, come ad esempio:

  • Mascherine
  • Camici e teli chirurgici
  • Copriscarpe e cuffie
  • Bende e bende adesive
  • Panni e salviette
  • Coperture protettive

Ricorda che tutti i camici chirurgici, le maschere e i rivestimenti protettivi devono essere leggeri e aderenti, consentendo al tempo stesso piena libertà di movimento.

Leggi anche: A.Celli Nonwovens a sostegno dell'emergenza sanitaria cinese

Settore Igienico

Il settore igienico è un altro settore che fa ampio utilizzo di prodotti laminati di TNT. Ancora una volta, il focus è sui prodotti sterili e monouso con permeabilità all'aria e al vapore acqueo e resistenza all'acqua, come:

  • Pannolini per adulti e bambini
  • Prodotti per l'igiene femminile
  • Prodotti per la pulizia di pazienti non deambulanti/immobilizzati

Leggi anche: Le 3 principali criticità nel processo di laminazione del textile backsheet (e come risolverle)

Filtrazione

La filtrazione è utilizzata in molti settori, incluso quello delle bevande e quello automobilistico. La filtrazione di aria e liquidi richiede filtri realizzati tramite laminazione di tessuti non tessuti in grado di filtrare particelle di varie dimensioni, a seconda del tipo di filtro e dell'uso previsto.

Un filtro per caffè, ad esempio, deve solamente filtrare i fondi di caffè e consentire il passaggio dell'acqua. Al contrario, un filtro dell'aria deve essere in grado di filtrare le più piccole particelle di polvere e altri contaminanti in modo tale da garantire una corretta purificazione. Ecco alcuni esempi di filtri realizzati con laminazione di tessuti non tessuti:

  • Filtri per caffè
  • Filtri per l'acqua
  • Filtri per aspirapolvere
  • Sistemi di filtrazione dell'aria
  • Filtri olio
  • Filtri per acquari
  • Filtri da forno

Leggi anche: 6 Metodi per produrre materiali filtranti in Tessuto Non Tessuto

Settore Edile

Il settore edile utilizza materiali realizzati con laminazione di tessuti non tessuti principalmente per l'isolamento e l'impermeabilizzazione. Le tipologie di prodotti utilizzati dall'edilizia comprendono:

  • Materiali per la coibentazione dei tetti
  • Strati sottocopertura
  • VCI o involucro di protezione in metallo
  • Film estensibile
  • Cartone impermeabile

Tecniche e vantaggi della laminazione di Tessuti Non Tessuti

Tecniche e vantaggi della laminazione di tessuti non tessuti

Il metodo di laminazione più adatto dipende dalle proprietà che si vogliono ottenere nel composito finale che, a seconda dell'applicazione specifica, potrebbe dover essere:

  • Impermeabile all’acqua e ai contaminanti
  • Traspirante
  • Leggero
  • Morbido e confortevole
  • Stampabile

Per quanto riguarda le tecniche che possono essere utilizzate per laminare i tessuti non tessuti, queste si possono suddividere in quattro categorie:

1. Laminazione adesiva

Esistono vari metodi per la laminazione adesiva di tessuti non tessuti:

  • Utilizzo di adesivi hot melt
  • Laminazione a secco
  • Colla a freddo
  • Laminazione a umido
  • Laminazione senza solventi

L'utilizzo di adesivi hot melt è il metodo principale, in sostituzione di quelli più vecchi come il fissaggio meccanico, l’utilizzo di colla a freddo e la laminazione a umido, e utilizza punti microscopici per creare legami tra gli strati e formare così il composito. Tra i suoi vantaggi troviamo la possibilità di:

  • Accoppiare due materiali con proprietà molto diverse
  • Utilizzare un’ampia varietà di metodi di applicazione dell'adesivo, tra cui pattern a perline, a spirale, meltblown, sinusoidali e la tecnica point bonding, che minimizza i punti di contatto offrendo un composito maggiormente permeabile utilizzando un minor quantitativo di colla
  • Eseguire un accoppiamento estremamente preciso
  • Mantenere le proprietà (traspirabilità, flessibilità, ecc.) del materiale originale
  • Ottenere un’alta velocità di produzione

2. Laminazione Termica

La laminazione termica utilizza pressione e calore per far aderire gli strati insieme, utilizzando uno strato termoplastico che può essere hot melt, fibra, film o polvere. Esistono diversi opzioni di accoppiamento termico che possono essere utilizzate, tra cui:

  • Area Bonding - per la produzione di compositi rigidi, sottili e resistenti
  • Point Bonding - per la produzione di compositi aventi resistenza, elasticità, morbidezza e flessibilità variabili

Leggi anche: Le tecniche di laminazione termica e adesiva spiegate per il settore edile e coperture per tetti

3. Laminazione Ultrasonica

La laminazione ad ultrasuoni è il metodo più ecologico perché non sono necessari prodotti chimici o adesivi. Si basa sull'utilizzo della vibrazione del suono ad alta frequenza per generare calore localmente, che provoca a sua volta la fusione e il conseguente legame delle fibre termoplastiche. Oltre alla sostenibilità del processo, gli altri vantaggi della laminazione ad ultrasuoni sono la capacità di:

  • Laminare fino a sette strati in un unico passaggio
  • Unire tra loro materiali con caratteristiche diverse (resistenza fisica, temperature di fusione, ecc.)
  • Ottenere compositi incredibilmente uniformi in cui i singoli materiali rimangono completamente intatti
  • Utilizzare la tecnica point bonding per minimizzare la superficie accoppiata nei materiali permeabili
  • Garantire un accoppiamento di precisione per soddisfare richieste specifiche (come il pattern da utilizzare, la posizione e la frequenza)
  • Ottenere un prodotto duraturo e in grado di resistere meglio al calore estremo rispetto a quelli creati attraverso il legame chimico

4. Extrusion Coating

L’Extrusion Coating è un processo in cui viene applicato un sottile rivestimento di polimero allo stato fuso su uno o entrambi i lati di uno o più strati di TNT.

Questo rivestimento rende il tessuto non tessuto impermeabile, stampabile, antistatico e resistente alla fiamma. Oltre a questo, l’Extrusion Coating permette di contenere i costi delle materie prime e migliorare la stabilità strutturale del materiale. 

Come portare il processo di laminazione al livello successivo

La miglior macchina per la laminazione di TNT

La miglior macchina per la laminazione di TNT

Le caratteristiche che una buona macchina per la laminazione di tessuti non tessuti dovrebbe avere sono, senza dubbio, l'efficienza energetica, un'elevata velocità di produzione e un'alta precisione.

Tuttavia, ciò che separa davvero la miglior laminatrice rispetto alle altre soluzioni sono i controlli dedicati di qualità e tensione, due elementi di fondamentale importanza nella laminazione di materiali fragili per garantire l’alta qualità del prodotto finale ottenuto.

Inoltre, è bene ricordare che la macchina per la laminazione di TNT fa parte di un sistema più ampio e che deve questa deve lavorare in sincronia con le altre macchine dedicate ad attività diverse per garantire che l'intero processo scorra senza intoppi dall’inizio alla fine. Ciò significa che una volta che i tessuti non tessuti vengono laminati il composito finale deve passare alla macchina successiva (imballaggio, movimentazione dei materiali o linee di converting) senza perdere le proprietà o le caratteristiche dei materiali originali.

Inoltre, la macchina ideale dovrebbe avere le seguenti caratteristiche:

  • Tempi di cambio ridotti
  • Una solida e robusta costruzione
  • Diverse zone di controllo e un attrezzaggio rapido
  • Arrotolatori e svolgitori che includono stazioni doppie per poter cambiare i rulli mentre la macchina è in funzione
  • Un pannello di controllo centralizzato con funzionalità di raccolta dati e business intelligence
  • Un sistema pneumatico di guida laterale per lo svolgimento e/o il riavvolgimento

La soluzione chiavi in mano completa A.Celli F-Line® è studiata per garantire una laminazione adesiva, termica e ad ultrasuoni di alta qualità, nonché stazioni di svolgimento e laminazione e una sezione di taglio in linea. Questa macchina all'avanguardia è in grado di laminare due o più strati con una larghezza massima del nastro di 3.600 mm ad una velocità operativa massima di 400/800 m/min. Inoltre, tra le componenti opzionali che puoi richiedere vi sono:

  • sistema di accumulazione del velo
  • sistema di aspirazione dei refili e della polvere
  • DMS (Defect Management System)
  • unità di stampa in linea
  • sistema di movimentazione del master roll e della bobina

Contattaci per ulteriori informazioni sulla nostra soluzione per la laminazione A.Celli F-LINE® o per richiedere una consulenza gratuita.

Scopri le potenzialità della soluzione per la laminazione A.Celli