A.Celli WeChat Channel

Le 3 principali criticità nel processo di laminazione del textile backsheet (e come risolverle)

Laminazione di TNT | Andrea Ruggiero, 3 marzo 2020

Un textile backsheet è un materiale composito realizzato utilizzando il processo di laminazione non tessuta.

Questo composito si ottiene accoppiando mediante adesivo hot melt un tessuto non tessuto con un film di polietilene; viene utilizzato nella fabbricazione di molti tipi di prodotti come ad esempio pannolini usa e getta e prodotti per l'incontinenza per adulti.

I textile backsheet sono progettati per massimizzare il comfort degli utilizzatori e per rendere i prodotti:

  • Morbidi al tatto
  • Stampabili
  • Impermeabili / a prova di perdita
  • Traspiranti

È fondamentale che il prodotto finale sia della massima qualità, soprattutto perché questi prodotti sono spesso indossati a contatto con la pelle. Per questo motivo, i difetti che si verificano durante la produzione devono essere scoperti ed eliminati.

Tenendo bene a mente questo, quella che segue è una discussione riguardante tre criticità da affrontare nel processo di laminazione di tessuto non tessuto in grado di influenzare la qualità del textile backsheet ottenuto.

Le principali criticità nella produzione del textile backsheet e come risolverle

1. Distribuzione dell’adesivo sulla testa di spalmatura

Alcuni textile backsheets richiedono una copertura adesiva completa. In questi casi, l'adesivo viene applicato con l'uso di una testa di spalmatura progettata per applicare uniformemente l'adesivo sul substrato. Una delle principali criticità durante la produzione del textile backsheet è garantire la distribuzione uniforme dell’adesivo su questa testa di spalmatura.

Quando ciò non avviene, l’adesivo non può essere applicato uniformemente sul substrato. Questo può portare ad avere aree in cui non è presente adesivo (dove il textile backsheet risulta quindi scollato e soggetto a perdite) e altri punti dove è presente troppo adesivo (e dove di conseguenza il textile backsheet risulta voluminoso e rigido). Sfortunatamente l'adesivo è trasparente, rendendo difficile verificare una possibile irregolarità nella sua distribuzione.

Soluzione – Per risolvere questa criticità è necessario essere in grado di "vedere" l'adesivo mentre viene applicato. Utilizzando una formulazione fluorescente per l'adesivo e una speciale luce UV per l'ispezione ottica sarai in grado di farlo, e questo ti darà la possibilità di verificare lo spessore dell'applicazione dell'adesivo, identificando le aree rimaste scoperte. Questo è un metodo non invasivo per monitorare rapidamente l'applicazione dell'adesivo hot melt e che permette di poter effettuare regolazioni del flusso di adesivo per garantire che sia costante e applicato in modo uniforme.

2. Fuoriuscita

Quando viene applicato un adesivo, sia con una distribuzione uniforme che con un altro tipo di distribuzione, esiste la possibilità che fuoriesca attraverso il textile backsheet. Esistono principalmente tre modi in cui può presentarsi la fuoriuscita:

  1. Strike through - quando l'adesivo fuoriesce durante la produzione e si infiltra tra i componenti della macchina, contaminando potenzialmente l'intera linea di produzione
  2. Adesivo esposto - quando si è in presenza di aree del textile backsheet aperte perché l'adesivo non aveva una superficie a cui aderire
  3. Migrazione - quando l'adesivo continua a penetrare nelle fibre del TNT anche dopo aver raggiunto la temperatura ambiente

Soluzione – Esistono dei passaggi che è possibile eseguire con ciascuna di queste sfide per ridurre al minimo o eliminare l'emorragia, come segue:

  1. Strike through - regolare la quantità di adesivo o la pressione per assicurarsi che non sia così elevata da far passare l’adesivo attraverso il tessuto non tessuto
  2. Adesivo esposto - assicurare il perfetto allineamento degli strati del textile backsheet in modo che l’adesivo possa aderire correttamente su tutta la superficie di entrambi gli strati.
  3. Migrazione - questo problema può capitare lavorando con adesivi sensibili alla pressione. Per evitare la migrazione dell’adesivo raffreddato, utilizzare adesivi meno sensibili alla pressione e/o ridurre la pressione esercitata sul prodotto man mano che l’adesivo si raffredda.

La fuoriuscita può verificarsi anche quando:

  • Le impostazioni della macchina non sono coerenti con le raccomandazioni dell’Original Equipment Manufacturer (OEM). Assicurarsi che la compressione non sia troppo elevata e che ci sia allineamento tra il velo e le fasce di applicazione dell’adesivo
  • Le impostazioni dell'attrezzatura per l’applicazione hot melt sono errate, causando l'applicazione di un’eccessiva quantità di adesivo in una sola volta - assicurarsi la corretta regolazione di queste impostazioni

3. Degrado dell’adesivo

In determinate circostanze può verificarsi il degrado dell'adesivo hot melt durante l'applicazione sul textile backsheet. Gli adesivi hot melt sono progettati per fondere a bassa viscosità quando raggiungono il punto di fusione. Se l'adesivo viene riscaldato a una temperatura troppo elevata, si degraderà più velocemente.

Soluzione – È importante controllare la temperatura dell'adesivo in modo tale che non aumenti così tanto da provocare il degrado e la bruciatura dell’adesivo stesso, o che questo influisca sulle condizioni operative dei macchinari. La stabilità al calore dipenderà dal polimero adesivo utilizzato, quindi bisognerà assicurarsi di avere familiarità con i requisiti degli specifici adesivi che si stanno utilizzando. 

Vuoi saperne di più sul processo di laminazione di TNT? Scarica ora il nostro eBook gratuito con i 4 consigli essenziali per il tuo processo di laminazione!

4 Consigli Essenziali per il Tuo Processo di Laminazione