A.Celli WeChat Channel

6 Metodi per produrre materiali filtranti in Tessuto Non Tessuto

Laminazione di TNT | Andrea Ruggiero, 17 marzo 2020

La filtrazione è una parte fondamentale della nostra vita quotidiana. Dai filtri per caffè ai depuratori d'aria, ai filtri per l'acqua e a quelli utilizzati nelle auto, molti settori e consumatori si affidano ai materiali filtranti di alta qualità per purificare l'aria che respirano, l'acqua che consumano e per far funzionare correttamente i loro macchinari e veicoli.

In alcuni casi, i materiali filtranti possono proteggere la salute e la sicurezza delle persone e persino salvare vite umane.

Nonostante ci troviamo in un periodo di transizione dall'era industriale all'era della tecnologia, il mercato della filtrazione continua a prosperare e si prevede che crescerà di oltre 13 miliardi di dollari entro il 2025. All'interno di quel mercato, la filtrazione dell'aria nello specifico dovrebbe crescere del 6,6 % (a 15,4 miliardi di dollari) entro il 2025. Per quanto riguarda la filtrazione dei liquidi, invece, il mercato dovrebbe raggiungere i 3 miliardi di dollari entro il 2026.

Queste proiezioni sono molto positive per quanto riguarda il mercato della filtrazione in generale e in particolare per quello della produzione di materiali filtranti in tessuto non tessuto, in grado di fornire prodotti di alta qualità a un costo inferiore rispetto ai materiali tessuti.

Cos'è un materiale filtrante in tessuto non tessuto?

La filtrazione di aria e acqua è fondamentale per la nostra salute e sicurezza. I filtri sono disponibili in tutte le forme e dimensioni e possono essere realizzati utilizzando tessuti o tessuti non tessuti.

I primi sono realizzati tessendo su un telaio singoli fili di materiali come monofilamenti o filati fibrillati, mentre i secondi vengono realizzati utilizzando un processo che prima unisce assieme le fibre in modelli ordinati o casuali, dopodiché accoppia gli strati di tessuto non tessuto con un polimero per dare vita ad un materiale poroso adatto la filtrazione.

6 diversi modi per produrre materiali filtranti in tessuto non tessuto

Il metodo utilizzato per creare i materiali filtranti dipenderà principalmente dal tipo di filtrazione desiderato. Esistono sei metodi principali, ovvero:

1. Cardatura

I materiali filtranti cardati erano solitamente utilizzati nelle maschere e per filtrare oli da cucina, oli refrigeranti e latte.

Accoppiati tipicamente mediante l'uso di resina o calore, questo metodo viene in alcuni casi sostituito con gli altri metodi qui descritti.

2. Wetlaid

I materiali filtranti wetlaid sono utilizzati nei filtri per le piscine, per caffè e nei filtri HEPA.

Vengono realizzati mediante un processo simile a quello di fabbricazione della carta, in cui una miscela di fibre corte artificiali, naturali o in fibra di vetro viene trasformata in un materiale simile alla carta utilizzando normali apparecchiature utilizzate anche nella produzione della carta stessa.

3. Meltblown

I materiali filtranti meltblown sono ideali per la filtrazione fine di particelle come polvere, amianto e fumo.

Questo è il tipo di filtro che si trova comunemente nei respiratori e può essere facilmente prodotto in grandi quantità. Viene realizzato senza l'utilizzo di fibre: il polimero fuso viene soffiato in una rete microporosa.

4. Spunbonded

I materiali filtranti spunbonded sono leggeri e utilizzati sia per la filtrazione dell'aria che del liquido.

Come i materiali meltblown sono realizzati senza l'uso di fibre, ma al contrario di questi sono costituiti dalla filatura di nylon, poliestere o polipropilene. Risultano inoltre leggeri e resistenti al calore.

5. Agugliatura

La produzione di materiali filtranti agugliati è un processo meccanico che prevede l’utilizzo aghi da infeltrimento uncinati per orientare e intrecciare le fibre nel velo spunbonded o cardato.

La struttura tridimensionale del materiale filtrante agugliato è ideale per intrappolare le particelle sulla superficie e all'interno del filtro. Questo tipo di filtro viene utilizzato per pulire, ad esempio, l'acqua di aspirazione e le acque reflue. 

6. Laminazione

La laminazione di tessuti non tessuti è il processo che prevede l'utilizzo di diverse tecniche per incollare più strati di materiale non tessuto e polimeri e ottenere un composito finale che combini le proprietà di ogni strato.

I materiali filtranti realizzati con il processo di laminazione sono ideali per il riscaldamento, il raffreddamento e la ventilazione di case, edifici e automobili. 

I vantaggi della laminazione 

Il processo di laminazione per la realizzazione di materiali filtranti offre una serie di vantaggi significativi rispetto ad altri metodi. Con la laminazione, infatti, il materiale:

  • può resistere alla sterilizzazione e alla pulizia con prodotti chimici aggressivi;
  • offre stabilità alle alte temperature;
  • è resistente all'usura ed è caratterizzato da una lunga durata;
  • può essere facilmente realizzato in una vasta gamma di porosità, pesi e spessori;
  • è impermeabile, traspirante e morbido;
  • è versatile e può essere utilizzato per qualsiasi esigenza;
  • è conveniente da produrre.

Indipendentemente dal tipo di materiale filtrante di cui hai bisogno, è importante tenere conto del costo di produzione, della facilità di fabbricazione e delle caratteristiche specifiche richieste dal prodotto finale.

I tessuti non tessuti hanno dimostrato la loro versatilità per la creazione di materiali filtranti che possono essere utilizzati in qualsiasi situazione e in qualsiasi area del settore della filtrazione, che si tratti di filtrare acqua, aria, sangue, olio o altre sostanze.

Se vuoi produrre materiali filtranti in tessuto non tessuto utilizzando la laminazione, non vorrai perderti il nostro eBook gratuito “4 consigli essenziali per il tuo processo di laminazione”. Scaricalo adesso!

4 Consigli Essenziali per il Tuo Processo di Laminazione